Tasca-di-vitello

La ricetta della tasca di vitello ho imparato a farla copiando da varie idee dal computer, TV, ecc. In genere la realizzo nei giorni di festa, piace a tutti e la trovo molto comoda perchè può essere preparata in anticipo, anche congelata (in questo caso, la cuocio, la taglio a fette e la congelo in vaschette, pronte per l’uso). E’ molto versatile perchè puo’ essere farcita in vari modi, a seconda dei gusti (funghi, castagne, mandorle, pistacchi, pezzetti di speck o prosciutto cotto, ecc.). La ricetta di seguito è quella preparata per il nostro Natale.

Ingredienti

  • 7-8 hg di vitello aperto al centro (farsi consigliare dal macellaio, per creare una tasca, io in genere prendo il “piccione di vitello”)
  • poco pane bagnato (mezzo panino)
  • 1 salsiccia
  • 2 hg di macinato misto (vitello, maiale)
  • 1 uovo
  • parmigiano
  • funghi porcini (o champignon) già trifolati
  • castagne lesse (o mandorle o altro)
  • sale
  • pepe
  • aglio
  • rosmarino/salvia
  • vino bianco
  • 1 cucchiaio farina

Procedimento

Dopo aver bagnato poco pane raffermo ed aver cotto i funghi in padella, amalgamare tutti gli ingredienti. Salare e pepare la carne per bene, dentro e fuori. Riempire la tasca con l’impasto, cercando di spingerlo più possibile a fondo, per fare in modo che quando cotto risulti compatto. Chiudere la tasca con degli stuzzicadenti o con filo per arrosti. Mettere la carne in un tegame spesso, con rosmarino, salvia, aglio in camicia e far rosolare la carne da tutti i lati. Quando appare bella dorata, bagnare con un bicchiere di vino bianco. Continuare la cottura a fuoco basso per circa 1 ora. A cottura ultimata, cercate di far rimanere un bel fondo di cottura, e se non è troppo addensato, far sciogliere un cucchiaio di farina con un pò d’olio e far cuocere qualche altro minuto, aggiungendo poca acqua. Lasciare freddare in frigo. Quando freddo tagliare a fette. Nel momento di servirlo, scaldarlo e versare sopra il sughetto di cottura.